CIASPOLATE


LEGGERI SULLA NEVE IN VALSAVARENCHE NEL PARCO NAZIONALE DEL GRAN PARADISO

(Ao)

dal 27 al 29 febbraio 2020

 

Un itinerario al cospetto di ghiacciai e praterie alpine ricoperte di neve nel Massiccio del Gran Paradiso sulle Alpi Graie. Siamo in Valsavarenche, la più stretta e selvaggia delle valli valdostane, la sua notorietà deriva dall’essere stata nel tempo teatro di ascensioni e grandi traversate attorno al gruppo montuoso. Tre giorni che ci faranno scoprire la bellezza di questi luoghi con tre itinerari che ci condurranno lungo sentieri panoramici nel Parco Nazionale, uno tra i più importanti d'Europa che prende il nome dall’unico 4000 interamente in territorio italiano, insieme scopriremo questo incredibile spazio naturale. Avremo la possibilità d’osservare gli animali nel loro ambiente naturale, tra questi se fortunati lo stambecco (l’animale simbolo del Parco), il camoscio e le marmotte se vorranno svegliarsi dal letargo. Le escursioni non presentano particolari difficoltà e sono rivolte a tutte le persone che siano mediamente allenate alla camminata.

 

INFORMAZIONI EVENTO

 

GUIDE: Nicola Dispoto con qualifica di International Mountain Leader-UIMLA

INIZIO EVENTO: venerdì 27 marzo 2020 ore 6:30
TERMINE EVENTO: domenica 29 marzo 2020 ore 20:00
LOCALITA': Pont in Valsavarenche (Ao)
CHIUSURA ISCRIZIONI: 9 marzo 2020, oltre tale data compatibilmente con le disponibilità delle strutture
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 120
ACCONTO: € 150
COMPRENDE:
  • organizzazione,
  • accompagnamento professionale da parte di International Mountain Leader UIMLA,
  • spese guida (mezza pensione),
  • assicurazione RC guida.
NON COMPRENDE:
  • pernottamento con trattamento mezza pensione hotel (€ 150 per 2 giorni in camera doppia,
  • i pasti (compresi quelli della guida a carico dei partecipanti),
  • noleggio ARTVA-pala e sonda (€ 30 per tre giorni),
  • assicurazione infortuni*,
  • spese di viaggio (da suddividere tra gli equipaggi delle auto ad esclusione della guida e degli autisti),
  • assicurazione infortuni*
  • tutto quanto non espressamente indicato alla voce LA QUOTA COMPRENDE.
*E’ possibile richiedere l’assicurazione infortuni (facoltativa) al costo di € 3 al giorno.
DIFFICOLTA': fino a WT3 escursioni con ciaspole su sentieri e pendi innevati di media difficoltà
DISLIVELLO: fino a ↑ 850 mt circa - ↓ 850 mt
IMPEGNO FISICO: medi ciaspolatori allenati
DURATA ESCURSIONI: fino a ore 5:30 soste escluse
TIPOLOGIA: escursione con racchette da neve su terreno innevato
LUOGO DI RITROVO: da concordare. Se i punti di incontro non ti vanno bene, contattami per vedere se è possibile concordare uno più agevole
MEZZO DI TRASPORTO: auto private, car pooling
PARTECIPANTI: min 6 max 14
ATTREZZATURA E ABBIGLIAMENTO: normale equipaggiamento da escursionismo invernale: zaino, scarponcini caldi da trekking invernale con suola scolpita (assolutamente no moon boot, stivaletti invernali da città, anfibi o similari), ciaspole*, bastoncini telescopici con rondelle larghe invernali, occhiali da sole, termos, crema da sole, stick proteggi labbra, kit ARTVA-pala-sonda, ogni partecipante dovrà essere dotato obbligatoriamente di ARTVA*.
*Parte del materiale può essere noleggiato previa preventiva richiesta. L'elenco completo dei materiali verrà fornito a tutti i partecipanti all'atto dell'iscrizione.
 
NOTE:
  • i minori di anni 18 dovranno essere tassativamente accompagnati, limite età partecipazione dai 16 anni (ma preparati ed allenati),
  • i cani non possono essere introdotti nel Parco Nazionale in base al Regolamento del Parco,
  • il saldo va pagato in contanti il giorno 1 del programma pubblicato, all'incontro con la guida. Per maggiori info chiamare il +39 373 827 82 96,
  • il programma potrebbe subire variazioni a discrezione delle guide, in funzione delle condizioni nivometeorologiche, a seconda delle capacità soggettive dei partecipanti, o per altri eventi imprevedibili,
  • se un partecipante non fosse nelle condizioni fisiche o tecniche, o non fosse equipaggiato con calzature idonee o senza attrezzatura adeguata all’escursione, la guida potrà suggerire allo stesso di fermarsi alla base di partenza,
  • i metri di dislivello ed i tempi indicati sono indicativi e dipendono dalle capacità del gruppo,
  • la guida non è responsabile per eventuali variazioni e ritardi dei vettori durante il viaggio nel caso di utilizzo di mezzi pubblici (treni, bus, battelli, aerei).
  • il tempo indicato per le escursioni è considerato come “tempo effettivo di cammino”,
  • la guida Nicola Dispoto è a disposizione per ulteriori informazioni riguardo l’itinerario, le difficoltà e le attrezzature necessarie,
  • ti chiedo gentilmente per ragioni organizzative di dare conferma di cosa ti occorre noleggiare e cosa invece hai già entro il 18 marzo 2020.

 

PROGRAMMA GIORNALIERO

G1 Alpe Djouan

Ritrovo con il gruppo a Milano ore 7.00 (località da definire). Partenza con auto private (car pooling) per la Valsavarenche. Giunti in località Eaux Rousses a metà della Valsavarenche prima di raggiungere il nostro albergo, lasceremo le auto. La nostra metà di giornata sarà l’Alpe Djouan. La nostra escursione inizia seguendo l’itinerario dell’alta via n° 2 della Valle d’Aosta che ci condurrà dapprima alla Reale Casa di Caccia e successivamente al termine di una fitta pecceta sull’ampio pianoro dell’Alpe Djoun. Qui potremo godere di uno splendido panorama che si aprirà al nostro sguardo sul Gruppo del Gran Paradiso. Lungo il percorso avremo l’opportunità d’avvistare i camosci che qui, numerosi, popolano la zona. La discesa avverrà per la traccia di salita. Giunti alle auto ci sposteremo verso il nostro albergo per la cena e il pernottamento.

Difficoltà escursionistiche: percorso escursionistico medio su sentiero innevato (WT2)

Dislivello: +/- 650 m circa

Durata escursione: 5.00 ore.

 

G2 Rifugio Federico Chabod

La salita al rifugio Federico Chabod è una classica della Valsavarenche insieme a quella del rifugio Vittorio Emanuele II. Un paio di km prima del villaggio di Pont Valsavarenche, nelle vicinanze dell'alpeggio Terré, si parcheggiano le auto e si attraversa il Torrente Savara, oltrepassato l'alpeggio Pravieux comincia la salita in un profumato bosco di larici e pini cembri, una delle stazioni predilette dal gallo forcello in questa valle. A fare da quinta la parete nord del Gran Paradiso. Dopo una serie di tornanti e di salita nel bosco, arriveremo all’alpeggio di Lavassey. Siamo ora fuori dal bosco nella valle del torrente Cote Savolere da dove si spunta finalmente in una prateria alpina gratificati da una vista incantevole sulle alte vette del Parco, raggiungendo così il rifugio Federico Chabod a 2710 m di quota. Il rifugio è situato ai piedi della parete nordovest del Gran Paradiso, nel cuore dell'omonimo Parco Nazionale. Le caratteristiche interessanti sono molteplici, ma l'aspetto panoramico e alpinistico sono sicuramente dominanti. La discesa avverrà lungo la via di salita, dopodichè rientreremo in albergo per la cena e il pernottamento.

Difficoltà escursionistiche: percorso escursionistico medio/impegnativo su sentiero innevato (WT3)

Dislivello: +/- 850 m circa

Durata escursione: 5.30 ore, soste escluse.

 

G3 Plan del Nivolet

La nostra prima ciaspolata l’effettueremo partendo dalla località Pont, dove lasceremo le auto. Partiremo per percorrere uno degli itinerari di caccia dei re di casa Savoia fino a giungere alla Croce de la Roley, un meraviglioso balcone panoramico che ci regalerà visioni suggestive sui ghiacciai dell’Etret. Da qui proseguiremo nel vallone arrivando alle baite di Grand Collet, poco lontano dal Col del Nivolet, oltre il quale c’è la valle dell’Orco in Piemonte. Il rientro avverrà per la via di salita. Rientro per la via di salita. Al termine della ciaspolata partenza per Milano alle ore 16.00.

 

Difficoltà escursionistiche: percorso escursionistico medio su sentiero innevato (WT2)

Dislivello: +/- 500 m circa

Durata escursione: 5.00 ore.

Download
Leggeri sulla neve in Valsavarnche.pdf
Documento Adobe Acrobat 542.4 KB





CAPANNA GARZONERA IN VAL LEVENTINA

Nante in Canton Ticino (Svizzera)

sabato 7 marzo 2020

 

La Capanna Garzonera è posta in posizione panoramica sulla conca di Airolo, nell'alta Val Leventina, alle pendici del Pizzo Massari e di fronte allo storico Passo del San Gottardo. Il percorso di accesso, che parte dal caratteristico paesino di Nante (1420 metri di quota), si snoda attraverso magnifiche e scenografiche peccete, per giungere infine alla bella Capanna a 1973 metri di quota. Lì potremo ammirare le maestose cime della Val Bedretto e del Ritom. Giunti in Capanna faremo una sosta per rifocillarci e riposare, dopodichè scenderemo alla ricerca della neve migliore del pendio e nel bosco, lasciando le nostre orme.

 

INFORMAZIONI EVENTO

GUIDE: Nicola Dispoto  AmM con qualifica di IML-UIMLA e Giorgio Tanzi AmM.

INIZIO EVENTO: sabato 7 marzo 2020 ore 7:15

TERMINE EVENTO: sabato 7 marzo 2020 previsto per le ore 19:00 
LOCALITA': Nante in Canton Ticino (Svizzera) 1420 m
CHIUSURA ISCRIZIONI: venerdì 6 marzo 2020 ore 12:00
QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 20.00
COMPRENDE: organizzazione, accompagnamento professionale da parte di International Mountain Leader (IML, coadiuvato da parte di Accompagnatore di media Montagna, assicurazione RC dell'IML.
NON COMPRENDE: spese di viaggio divise tra gli equipaggi delle auto escluse le guide, tutto ciò che non è espressamente menzionato. Il noleggio delle ciaspole (€ 5 il paio);ARTVA (€ 7 cad).
DIFFICOLTA': WT2 escursione con ciaspole su  sentieri e pendi innevati.
DIFFICOLTA ELEVAZIONE MIN/MAX:  1420 m / 1973 m.
DISLIVELLO: ↑ 600 mt circa - ↓ 600 mt.
SVILUPPO: 12.4 km circa.
IMPEGNO FISICO: medi ciaspolatori allenati.
DURATA ESCURSIONE: ore 5.00 soste escluse.
TIPOLOGIA: escursione con racchette da neve su terreno innevato.
LUOGO DI RITROVO E ORARI:
ore 7:15 parcheggio Autogrill della Rotonda , uscita A9 Saronno clicca qui;
ore 9:30 Nante (Svizzera) clicca qui
Se i punti di incontro non ti vanno bene, contattami per vedere se è possibile concordare uno più agevole.
MEZZO DI TRASPORTO: auto private, car pooling.
PARTECIPANTI: min 8 max 18.
PRANZO: al sacco, lungo il percorso è presente la Capanna Garzonera (aperta, ma senza gestore).
ATTREZZATURA E ABBIGLIAMENTO: zaino, scarponcini da trekking invernali con suola scolpita (assolutamente no moon boot, stivaletti invernali da città, anfibi o similari, normale equipaggiamento da escursionismo invernale, ciaspole, bastoncini telescopici con rondelle larghe invernali, occhiali da sole, termos, crema da sole, stick proteggi labbra, KIT ARTVA-pala-sonda (ogni partecipante dovrà essere dotato obbligatoriamente di ARTVA). Parte del materiale può essere noleggiato previa preventiva richiesta. L'elenco completo dei materiali verrà fornito a tutti i partecipanti all'atto dell'iscrizione.
 
NOTE: il programma potrebbe subire variazioni a discrezione delle guide, in funzione delle condizioni nivometeorologiche o a seconda delle capacità soggettive dei partecipanti, o per altri eventi imprevedibili. Se un partecipante non fosse nelle condizioni fisiche o tecniche, o non fosse equipaggiato con calzature idonee o senza attrezzatura adeguata all’escursione, le guide potranno suggerire allo stesso di fermarsi alla base di partenza. I metri di dislivello ed i tempi indicati sono indicativi e dipendono dalle capacità del gruppo. Le guide non sono responsabili di variazioni e ritardi dei vettori durante il viaggio nel caso di utilizzo di mezzi pubblici (treni, bus, battelli, aerei). Il tempo indicato per le escursioni è considerato come “tempo effettivo di cammino”. Le guide Nicola e Giorgio sono a disposizione per ulteriori informazioni riguardo l’itinerario, le difficoltà e le attrezzature necessarie.
 Dal momento che si va in Svizzera, sarà necessario essere in possesso di DOCUMENTO VALIDO per l'espatrio; inoltre, per chi decidesse di mettere a disposizione la propria auto per il viaggio, sarà necessario essere in possesso della 'vignetta', il tagliando che permette il libero accesso sull'intera rete autostradale svizzera per l'anno in corso e gennaio 2021 (è possibile acquistarla in dogana al costo di 40 franchi svizzeri, circa 38 euro).
Escursione adatta a ragazzi dai 14 anni in su, allenati a camminare in montagna e accompagnati da un genitore o persona responsabile maggiorenne.
Ti chiediamo gentilmente per ragioni organizzative di dare conferma di cosa ti occorre noleggiare e cosa invece hai già entro le ore 12:00 del 6 marzo 2020.
 
TI CHIEDIAMO GENTILMENTE PER RAGIONI ORGANIZZATIVE DI DARE CONFERMA DI COSA TI OCCORRE NOLEGGIARE E COSA  INVECE HAI GIA' ENTRO LE ORE 12 DI VENERDI' 6 MARZO 2020.
PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Nicola Dispoto: +39 373 827 8296 - nicola.dispoto@gmail.com

Giorgio Tanzi +39 340 705 42 67 - insubria.trekking@gmail.com


Download
2020-03-07 Ciaspolata alla Capanna Garzo
Documento Adobe Acrobat 289.3 KB



Regala una ciaspolata oppure un'escursione ad un amica/o e riceverai uno sconto del 50%  sulla successiva ciaspolata/escursione!

 

Un'idea per un regalo originale. Oggi puoi farlo con Trekkingalp, puoi donare un'escursione con o senza le ciaspole. Consulta il calendario, scegli quella che più ti piace, invia una mail a nicola.dispoto@gmail.com mettendo nell'oggetto: regalo ciaspolata. Nel corpo del testo specifica: data, località della ciaspolata, numero persone a cui regali l'escursione.



ALPE CHAMPLONG IN VALTOURNANCHE da la Magdeilene (Ao)

Difficoltà: media (WT2)

 

Bella escursione ad anello con le ciaspole, in una delle località alpine inserite nella "Alpine Pearls" (Chamois-La Magdaleine), al cospetto del magnifico Cervino. L'itinerario attraverserà boschi di conifere, toccando splendidi alpeggi e laghetti con magnifici panorami.

 

Al momento questa ciaspolata non è presente in calendario, è possibile però richiederla.

 

* Le escursioni con le racchette da neve (ciaspole), svolte in Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, saranno escursioni di tipo naturalistico e condotte ai sensi della Legge 4/2013



Piz Grevasalvas

Difficoltà: impegnativa (WT3)

 

Un'interessante proposta per una ciaspolata in Engadina che ci regalerà panorami incantevoli sul lago e sulle vette del gruppo del Bernina, della Val Bregaglia e sulle pareti nord del Pizzo Badile e del Cengalo. Il Piz Grevasalvas, alto poco meno di tremila metri, è una cima abbastanza impegnativa e richiede un’ascesa lunga. Da Plaun da Lej raggiungeremo il fiabesco villaggio di Grevasalvas, luogo dell’ambientazione della favola di Heidi. Il villaggio è posto su una bellissima terrazza sulla quale incombe il Piz Lagrev. Oltre il villaggio godremo di una vista incantevole con le case ricoperte di neve, i dolci pendii, il lago ghiacciato e le cime che chiudono la vallata a sud. Proseguendo su pendii anche ripidi raggiungeremo il Lej Nair oltre il quale si affronta un canale che porta a un colletto. Da qui risalendo l’ampio pendio innevato si giunge infine sulla cima (2932 m), la vista spazia sul gruppo del Pizzo Bernina, sul Monte Disgrazia e sulle pareti nord del Pizzo Badile e del Pizzo Cengalo ripagando così della faticosa salita. L’itinerario di discesa ripercorre lo stesso percorso di salita.

 

Al momento questa ciaspolata non è presente in calendario, è possibile però richiederla.

 




RIFUGIO SAOSEO IN VAL DI CAMP

"Un angolo di Engadina nascosta"

Difficoltà: medio (WT2)

 

Vero "paradiso della neve" nel cuore delle Alpi Retiche, la Val di Campo, laterale della Val Poschiavo sopra Tirano, offre il terreno ideale per lo sci escursionistico, lo scialpinismo e le escursioni con le ciaspole. Questa gita dagli ampi panorami si sviluppa su dolci pendii attraverso boschi di conifere, alternati a tratti di pascolo, toccando alcuni caratteristici alpeggi.

 

L'itinerario parte dalla località di Sfazù (1600 m). Dopo l'iniziale salita lungo la pista, s'imbocca il sentiero all’altezza di Buril in direzione di Suracqua. In sequenza si raggiungono diversi nuclei di rustici (così gli svizzeri chiamano le baite) a cominciare da Doss e Suracqua, per passare poi per Puntasell e Terzana. Si passa poi dal Poz da Rugiul, raggiungendo il Rifugio Saoseo ed infine il Lago Saoseo (2030 mt). Il rientro avviene passando nuovamente presso il Rifugio Saoseo e poi lungo la pista che conduce a Sfazù passando prima da Salina, successivamente da Salva Daint e Salva Dafora per giungere infine alle auto.

 

Al momento questa ciaspolata non è presente in calendario, è possibile però richiederla.