Escursioni in giornata


Traversata Monterosso - Levanto (Sp) 4 ottobre 2018

La nascita del borgo di Monterosso risale all'anno 1016 quando, terminate le scorribande saracene, le popolazioni dell’entroterra poterono riprendere possesso della costa. Porto tra i più importanti Monterosso fu spesso oggetto di contese finchè nel 1254 divenne definitivamente possedimento genovese. Attualmente i resti del castello, costruito tra il XIII e il XIV secolo, sono inglobati nel cimitero e sono visibili anche i resti della cittadella, della cinta muraria e tre torri circolari.

 

Nelle suggestive stradine del centro storico potrete ammirare le bellezze dell'antica chiesa dedicata a San Giovanni Battista terminata nel 1307 mentre la spiaggia di Fegina è dominata dalla famosa statua del Gigante divenuto simbolo di Monterosso. L'opera, realizzata all'inizio del Novecento, è la rappresentazione del Dio del mare Nettuno che sorregge sulle sue spalle la terrazza di una splendida villa.

 

Località: Stazione ferroviaria Levanto (Sp)

Dislivello: 315 m - 315 m circa

Difficoltà: percorso lungo sentiero (E)

Durata escursione: ore 3.00 escluse le soste

Attrezzatura: zaino, normale dotazione da escursionismo. Pranzo al sacco, lungo il percorso non sono presenti rifugi.

Mezzo di trasporto: treno

Orario e luogo ritrovo: stazione centrale Milano ore 7.00;

Quota di partecipazione: € 20, il costo comprende accompagnamento guida (Accompagnatore di media montagna con qualifica IML), assicurazione RC guida

Termine iscrizioni: sabato 5 maggio 2018

Esclusioni: ticket treno comprese spese di viaggio guida da dividere tra i partecipanti, tutto ciò che non è espressamente menzionato

Download
Traversata Monterosso-Levanto
2018-05-28 Traversata Monterosso-Levanto
Documento Adobe Acrobat 394.8 KB


Lascia che la pace della natura entri in te come i raggi del sole penetrano le fronde degli alberi. Lascia che i venti ti soffino dentro la loro freschezza e che i temporali ti carichino della loro energia. Allora le tue preoccupazioni cadranno come foglie d'autunno.
(John Muir)